deutschenglishfranceitalian

Il nostro AGB

Condizioni di vendita e consegna generali

 

I. Generalità

Le seguenti condizioni di vendita e consegna generali diventano contenuto contrattuale. Condizioni d'acquisto avverse o differenti ossia altre restrizioni dell'acquirente non saranno approvate, a meno che il venditore non le abbia espressamente riconosciute per iscritto in un caso singolo.

II. Offerta, ordini

1.) Le offerte del venditore non sono impegnative per quanto riguarda i prezzi, quantitativi, termini di consegna e possibilità di fornitura.

2.) Gli ordini dell'acquirente saranno vincolanti per il venditore solo a condizione di una conferma scritta del venditore (anche sulla fattura o bolla di consegna).

III. Calcolo

1.) Saranno calcolati i prezzi di vendita validi al momento della fornitura, più l'imposta sul valore aggiunto prescritta ai sensi di legge.

2.) Qualora il venditore dovesse aumentare i propri prezzi nel periodo fra la stipula del contratto e la consegna, l'acquirente sarà autorizzato a recedere dal contratto entro un termine di due settimane dopo la comunicazione dell'aumento dei prezzi, a meno che questo aumento dei prezzi dovesse basarsi esclusivamente su un aumento delle tariffe di spedizione. Il diritto di recesso non vale per i contratti di fornitura stipulati a lungo termine (relazioni di debito permanente).

3.) Il venditore si riserva di aumentare ossia ridurre il prezzo d'acquisto in valuta estera alla fatturazione in modo tale che l'importo esposto in fattura corrisponda al controvalore in ?, come calcolato sulla base del debito in valuta estera al momento della stipula del contratto.

4.) Il peso da rilevare per determinare i criteri di calcolo avviene presso il luogo di spedizione dello stabilimento di consegna del venditore.

IV. Pagamento

1.) Qualora venisse superato il termine di pagamento concordato si potranno calcolare interessi per mora pari al 2% del rispettivo tasso di sconto della Banca Nazionale Austriaca; si riservano richieste di risarcimento per mora o danni per inadempienza. In caso di un superamento dei termini di pagamento il venditore sarà autorizzato a respingere l'ulteriore adempimento contrattuale e a recedere dal contratto senza concedere alcuna proroga; inoltre, tutte le pretese risultanti dalla relazione contrattuale saranno immediatamente pagabili.

2.) L'utilizzo di cambiali richiede comunque il consenso del venditore: ciò potrà avvenire per garantire i pagamenti. Gli sconti, spese per le cambiali, imposte per le cambiali e costi andranno a carico dell'acquirente.

3.) Qualora vi fossero dei dubbi giustificati sulla solvibilità o l'affidabilità creditizia dell'acquirente, il venditore avrà il diritto di recedere da tutti i contratti correnti in relazione alle consegne non ancora effettuate oppure a pretendere delle garanzie adeguate, pagamenti anticipati inclusi.

4.) I pagamenti saranno da considerarsi effettuati solo quando il rispettivo importo è definitivamente disponibile sul conto corrente del venditore.

5.) Il venditore si riserva l'utilizzo di pagamenti per pareggiare vecchie partite in fattura più i rispettivi interessi per mora nonché i costi ammontanti, è cioè nella successione seguente: costi, interessi, pretesa principale.

6.) Si esclude qualsiasi trattenuta e compensazione di debiti e crediti da parte dell'acquirente nonché la cessione delle pretese nei confronti del venditore.

V. Fornitura

1.) Il venditore si impegnerà in qualsiasi momento ad effettuare al più presto possibile le forniture. Non sussistono termini di consegna fissi

2.) In quanto fosse stato concordato un termine di consegna fisso, differentemente da questa clausola, in caso di una situazione di mora l'acquirente dovrà concedere un'adeguata proroga del termine di consegna di almeno quattro settimane. In caso di una procedura infruttuosa l'acquirente avrà il diritto di recedere dal contratto; sono escluse altre pretese.

3.) Non sussiste una mora, nel caso in cui il venditore stesso non dovesse ricevere correttamente o tempestivamente i necessari articoli dai suoi subfornitori.

4.) Come giorno di consegna vale il giorno in cui la merce lascia lo stabilimento o magazzino oppure, nel caso in cui questo giorno non fosse accertabile, il giorno in cui la merce viene messa a disposizione dell'acquirente.

5.) Per l'apprestamento di mezzi di imballaggio del venditore, incluso l'apprestamento di autocisterne e i container cisterna, valgono condizioni particolari.

6.) Per la vendita e la fornitura di fitofarmaci e concimi valgono le seguenti condizioni supplementari:

6.1) La vendita di fitofarmaci e concimi avviene conformemente alle usanze della borsa per prodotti agricoli di Vienna. Le controversie risultanti di conseguenza saranno da concordarsi all'unanimità innanzi al tribunale arbitrale della borsa per prodotti agricoli di Vienna.

6.2) I fitofarmaci saranno forniti soltanto in confezioni di vendita secondo il listino prezzi alle condizioni seguenti:

a) fornitura in porto franco al commercio all'ingrosso stoccante ossia rivenditori, esclusivamente in Austria, nel caso in cui il valore d'ordine sulla base del valore di fattura netto per prodotti agricoli e concimi speciali dovesse superare una somma di ? 440, per prodotti casalinghi e giardinaggio ? 220;

b) per gli ordini che ricadono sotto i valori summenzionati vale il VII. punto 1.

6.3) Non è previsto il ritiro di imballaggi o contenitori.

6.4) Si escludono forniture in commissione e ritiro di merci a causa della responsabilità sui prodotti rispettivamente legata a queste procedure.

VI. Forza maggiore, impedimenti contrattuali

Forza maggiore di qualsiasi genere, problemi aziendali o nel traffico, danni per incendio, allagamenti, mancanza di manodopera, energia, materie prime e sostanze ausiliari, scioperi, picchettaggi, problemi di spedizione, disposizioni delle autorità competenti o altri impedimenti, che possono pregiudicare la produzione, la spedizione, il ritiro o il consumo, con eventuali altre conseguenze di impedimento, ritardo, riduzione o che rendessero inaccettabili tali attività, costituiscono un esonero dagli obblighi di fornitura e ritiro per tutta la durata di queste circostanze. Qualora in seguito a tali circostanze la fornitura e/o il ritiro dovesse superare di oltre otto settimane i termini concordati, ambedue le parti saranno autorizzate a recedere dal contratto. In caso di una mancanza parziale o completa delle fonti di acquisto del venditore, egli non sarà obbligato a coprire il fabbisogno da altri subfornitori. In questo caso il venditore è autorizzato a distribuire i quantitativi di merce disponibili nella considerazione del fabbisogno proprio.

VII. Spedizione

1.) Il venditore si riserva la via e modalità di spedizione. Le maggiorazioni dovute a particolari richieste di spedizione dell'acquirente andranno a carico suo. Lo stesso vale per gli aumenti dei tassi di spedizione, eventuali maggiorazioni per deviazioni, costi di stoccaggio ecc., che si verificano dopo la stipulazione del contratto, in quanto non fosse stata concordata una fornitura in porto franco.

2.) Il rischio di deperimento, perdita o danneggiamento della merce in seguito alla consegna oppure, in caso del ritiro, trapassa all'acquirente, e cioè al momento dell'apprestamento.

VIII. Riserva di proprietà

La proprietà della merce venduta trapassa all'acquirente solo dopo il completo pagamento delle obbligatorietà. L'acquirente è obbligato ad omettere pignoramenti della merce del venditore od attuare volture di sicurezza; eventuali pignoramenti da parte di altri creditori dovranno essere immediatamente comunicati al venditore. L'acquirente è autorizzato alla rivendita solo nell'ambito del regolare esercizio commerciale.
Il venditore è autorizzato a pretendere dall'acquirente la restituzione della merce in riserva senza concedere alcuna proroga dei termini e senza dover recedere dal contratto, qualora dovesse essere in mora di adempimento degli obblighi contrattuali nei confronti del venditore. La restituzione della merce in riserva costituisce un recesso dal contratto solamente, quando il venditore ha dichiarato esplicitamente per iscritto tale clausola. Qualora il venditore dovesse recedere dal contratto, potrà pretendere un rimborso adeguato in relazione alla durata di cessione e utilizzo della merce. La riserva di proprietà dell'acquirente si estende ai prodotti risultanti dalla presente intesa. Se la merce in riserva viene lavorata, mischiata o legata insieme ad altri prodotti che sono proprietà dell'acquirente, il venditore acquisisce una comproprietà sui prodotti di conseguenza risultanti in relazione al valore fatturato per la merce in riserva e il valore fatturato per la merce in proprietà di terzi o dell'acquirente.

IX. Reclami per merce difettosa

1.) I reclami per merce difettosa potranno essere considerati solo, quando la constatazione del difetto viene segnalata immediatamente per iscritto, tuttavia, entro e non oltre 14 giorni dopo la fornitura della merce, allegando una descrizione esatta del difetto nonché inviando le rispettive ricevute, campioni, elenchi dei contenuti nonché i dati del numero di fattura e delle segnature che si trovano sui pacchi.

2.) In caso di difetti nascosti occorre segnalare i difetti per iscritto immediatamente dopo la constatazione, tuttavia, non oltre cinque mesi dopo la consegna della merce. I rispettivi oneri di prova,  per certificare che si tratta di un difetto nascosto, spettano all'acquirente.

3.) La merce contestata potrà essere rispedita all'acquirente solo dopo il suo previo consenso scritto.

X. Consulenza tecnica di applicazione

L'applicazione, utilizzo e lavorazione delle merci acquisite ricadono esclusivamente nella sfera di responsabilità dell'acquirente. La consulenza tecnica di applicazione del venditore in parola e lettere e tramite rispettivi esperimenti costituisce solo un'informazione non impegnativa, anche per quanto riguarda eventuali diritti tutelari di terzi, inoltre, non esonera l'acquirente dall'obbligo di effettuare un accurato controllo dei prodotti sulla loro attitudine per soddisfare gli scopi previsti. L'applicazione, utilizzo e lavorazione dei prodotti avvengono al di fuori delle possibilità di controllo del venditore e ricadono pertanto nella sfera di competenza dell'acquirente.

XI. Garanzia e risarcimento danni

1.I)  reclami per merce difettosa regolarmente presentati e motivati saranno considerati da parte del venditore su propria discrezione per la concessione dei rispettivi sconti, modalità di scambio o ritiro della merce contestata su rimborso del prezzo d'acquisto.

2.) Sono escluse richieste di risarcimento danni dell'acquirente, richieste di sostituzione per danni conseguenti a difetti o per una violazione degli obblighi contrattuali secondari da parte del venditore in caso di negligenza del venditore o delle persone incaricate ad agire per suo conto; i diritti di risarcimento sono comunque limitati all'importo del rispettivo valore di fattura.

3.) Il venditore concorda con l'acquirente la stipulazione di un eventuale effetto tutelare del presente contratto a favore di terzi.

4.) Qualora l'acquirente dovesse essere intenzionato a prendere in regresso il venditore sulla base del titolo relativo alla tenuta dei prodotti, sarà comunque tenuto a comunicare le rispettive pretese al venditore, tenendo conto di dover specificare esattamente lo stato di cose motivante le pretese, entro e non oltre tre settimane dopo averne preso atto, in caso di un ricorso in tribunale. Qualora dovesse omettere queste modalità, egli perderà il proprio diritto di regresso.

5.) Si esclude qualsiasi responsabilità per danni materiali risultanti in seguito ad un prodotto difettoso. Da questa esclusione di responsabilità si escludono danni materiali subiti da un consumatore finale. L'acquirente è tenuto ad inoltrare questa esclusione di responsabilità ai propri clienti, nonché obbligarli ad un rispettivo inoltro dell'esclusione di responsabilità al cliente finale.

XII. Marchi depositati

1.) Non è consentito offrire oppure fornire dei prodotti al posto dei prodotti del venditore, indicando questi prodotti come sostitutivi nonché correlare nei listini prezzi e simili documenti commerciali le denominazioni dei prodotti del venditore, che siano soggetti a tutela o meno, con la parola >RICAMBIO<  ossia confrontarli con le denominazioni dei prodotti singoli.

2.) Inoltre, nell'impiego dei prodotti del venditore per scopi di fabbricazione o per l'ulteriore lavorazione non è consentito utilizzare le denominazioni dei prodotti del venditore, in particolare dei marchi registrati e depositati relativi a merci e prodotti o rispettivi imballaggi o nei rispettivi documenti stampati e materiali pubblicitari senza il previo consenso scritto del venditore, in particolare come indicazione integrativa. La fornitura dei prodotti con un altro marchio di fabbrica non è da considerarsi consenso per l'utilizzo di questo marchio depositato per i prodotti rispettivamente fabbricati.

3.) Le confezioni originali dotate di un marchio tutelare depositato del venditore possono essere ulteriormente fornite solo in stato intatto.

4.) Una rivendita dei fitofarmaci del venditore all'estero potrebbe essere vietata a causa di una violazione delle prescrizioni di registrazione o altre disposizioni vincolanti della legislatura per la tutela dei fitofarmaci e costituire eventuali richieste di risarcimento danni per la violazione dei diritti tutelari imprenditoriali.

5.) Nella vendita di insetticidi contenenti DDVP in piccoli quantitativi i commercianti e i punti di vendita (rivenditori) sono obbligati ad informare esplicitamente l'acquirente sullo scopo previsto di tali prodotti nonché sulle misure cautelari da dover osservare, che sono generalmente riportate nei testi sulle confezioni. È vietata la vendita di insetticidi contenenti DDVP a persone che non hanno ancora compiuto il sedicesimo anno d'età o a persone in cui sussiste un rischio di impiego abusivo o non cauto.

XIII. Diritto applicabile, formulazione delle clausole ecc.

1.) Valgono i diritti di legge austriaci.

2.) Le clausole normalmente applicabili in commercio sono da concepirsi secondo rispettivi incoterms.

3.) Qualora le spese doganali e di importazione del paese di destinazione dovessero andare a carico del venditore conformemente agli accordi, fra il rilascio e la conferma dell'ordine e la fornitura della merce saranno da concordarsi eventuali aumenti entrati in vigore, che andranno a carico dell'acquirente. Tutte le altre spese legate al contratto d'acquisto, nonché imposte e altri costi andranno altrettanto a carico dell'acquirente.

XIV. Luogo d'adempimento e foro competente, efficacia

1.) Il ruolo adempimento per la consegna è il rispettivo punto di spedizione, per il pagamento Kufstein.

2.) Il foro competente per ambedue le parti è Kufstein. Il venditore è tuttavia autorizzato ad avanzare le proprie pretese nei confronti dell'acquirente anche presso un foro generico.

3.) Qualora delle singole clausole delle presenti condizioni di vendita e consegna dovessero interamente o parzialmente verificarsi inefficaci, rimarrà comunque invariata l'efficacia delle rimanenti clausole o rimanenti parti delle tali. Una regolamentazione inefficace dovrà essere rimpiazzata con una regolamentazione tale da soddisfare il più possibile la finalità commerciale inizialmente perseguita.

A proposito di Complex

News

Ci sono domande?Sfoglia online le nostre brochure
Josef Schellhorn GmbH · A-6334 Schwoich / Tirol, Egerbach 50a · Telefono: +43 (0)5372 58377 · Fax: -74 · E-mail